Hotel B&B Valle-d-Aosta




Valle d Aosta Panorama Una delle caratteristiche principale della Valle d'Aosta è costituita dalla presenza di bellissimi castelli situati in lungo ed in largo per tutto il suo territorio. Grazie alla bellezza del territorio, alla calda accoglienza degli abitanti, e le molte mostre e rassegne di prodotti artigianali la regione è una delle principali mete turistiche per tutti coloro che amano trascorrere le vacanze all'insegna del relax sia in estate che in inverno. Per questo motivo è sempre consigliare prenotare un hotel in Valle d'Aosta con un pò di anticipo; le struttture sono molte ma la richiesta molto spesso supera l'offerta di soggiorno.

La regione è situata nell'estremità nord dell'Italia ed è quasi tutto montuoso; tra le catene montuose e le montagne più famose non possiamo non ricordare il massiccio del Monte Bianco (4810 metri, la più alta di tutta Europa). Il Monte Bianco è in realtà situato proprio sul confine con la Francia ed un lungo traforo collega la parte italiana con quella francese.
Grazie alla sua incontaminata natura la regione è ricca di parchi ed aree naturalistiche protette come il Parco Nazionale del Gran Paradiso (istituito nel 1922); all'interno troviamo specie animali e vegetali protette in via di estinzione come camosci, stambecchi, marmotte ed ermellini.
Le valli presenti nella regione sono frutto della corrosione provocata dallo scioglimento dei vari ghiacciai che molti anni fa ricoprivano quasi interamente tutta la regione.

La Valle d’Aosta è situata nell’Italia settentrionale e confina con la Francia, con la Svizzera e con il Piemonte. La regione è costituita da un'unica provincia, Aosta, che comprende tutto il territorio della regione. La superficie totale è di circa 3246 Kmq e conta circa 118500 abitanti. Per questo la Valle d'Aosta è la più piccola regione e la meno abitata di tutta Italia.

Le catene montuose più famose sono: le Alpi occidentali e le Alpi centrali (Alpi Graie e Pennine); all'interno delle Alpi Graie troviamo il Gran Paradiso (4061 metri) e il Monte Bianco (4810 metri); all'interno delle Alpi Pennine invece troviamo il monte Cervino (4478 metri) e il Monte Rosa (4643 metri).

La regione è attraversata da molti corsi d'acqua; il più importante è la Dora Baltea che conta numerosi affluenti nati dai vari ghiacciai sparsi in tutto il territorio. Tra gli altri ricordiamo anche i fiumi Buthier, Marmora, Lys. Numerosi anche i laghi alpini, tra cui ricordiamo il lago di Place Moulin e il lago di Beuregard.

La Valle d’Aosta ha condizioni climatiche abbastanza buone con poche precipitazioni e temperature miti, ad eccezione dei rilievi montuosi dove sono forti le escursioni termiche e molte volte sono soggette a precipitazioni anche a carattere nevose.

Valle d Aosta ViewLa regione fu abitata dal V sec. a.C. dalle popolazioni dei Salassi fino a quando, nel 25 a.C., fu conquistata dai Romani, che fondarono la colonia Augusta Praetoria, lattuale città di Aosta. Grazie alla sua strategica posizione la Valle d'Aosta è sempre stata oggetto di guerre e di conquiiste; da qui infatti si poteva avere il controllo dei valichi del Piccolo e del Gran San Bernardo; in modo particolare nel periodo del Medioevo fu contesa e conquistata da varie popolazioni, tra cui i Burgundi, gli Ostrogoti, i Bizantini, i Longobardi e i Franchi.

Date le caratteristiche fisiche e naturali della Valle d'Aosta, il feudalesimo ebbe un grande potere nella storia politica e sociale; vennero costruiti vari castelli e fortificazioni che diventarono centri di vita politica, economica, culturale e militare.
Da ricordare che anche la Chiesa, grazie ai molti monasteri situati in ogni parte della regione, ebbe una grande influenza non solo religiosa ma anche politica ed amministrativa sulla popolazione. La regione venne unita al Regno d'Italia nel 1861 ma ha sempre cercato di mantenere il più inalterate possibili le tradizioni e le culture.

Con l'avvento del fascismo in Italia si cercò di italianizzare il più possibile questa regione instaurando la sola lingua italiana nelle scuole e sopprimendo quegli istituti che non seguivano le regole.

La Valle d'Aosta fu una regione autonoma a partire dall'anno 1945 e successivamente, nel 1948, diventò a statuto speciale dietro concessione dalla Repubblica Italiana. Per molti anni la regione visse di agricoltura che in molti casi non restituiva un fabbisogno sufficiente a sfamare gli stessi contadini che in alcuni casi furono costretti ad emigrare in Francia o in Svizzera.

Solo negli anni successivi alla seconda guerra mondiale la Valle d'Aosta sviluppò maggiormente l'economia, il commercio ed il turismo. Proprio lo sviluppo del turismo creò tramite la nascita di alberghi, hotel e bed and breakfast, nuovi posti di lavoro che a sua volta indussero ad un'inversione di tendenza con un forte fenomeno immigratorio.
Proprio il turismo è una delle principali risorse della regione; ogni anno turisti da ogni parte del mondo decidono di trascorrere le vacanze in Valle d'Aosta perchè questa regione riesce ad offrire un patrimonio naturalistico e culturale di alto livello.



Parte delle informazioni riguardanti la storia, l'arte, le tradizioni e gli eventi della città di Valle d Aosta sono riprese dal sito www.wikipedia.org rispettando il GNU Free Documentation License.