Hotel B&B Umbria




Umbria Panorama L'Umbria è immersa nelle montagne dell'Appennino Umbro-Marchigiano che donano alla regione un territorio collinoso e verdeggiante.
La zona è caratterizzata da un susseguirsi di valli irregolari creando un panorama naturale ondulato e particolare.
Sono presenti in questa straordinaria vegetazione numerosi santuari e castelli medioevali, che mostrano le caratteristiche dei popoli Etruschi e Romani.

L'Umbria si colloca in un contesto naturalistico di grande bellezza in cui si fondono edifici, palazzi e casali storici come santuari o vecchie città medioevali. Proprio per queste vari ragioni in molti scelgono questa zona per trascorrere le vacanze in relax scegliendo tra i centinaia di agriturismi in Umbria che offrono qualsiasi tipo di servizio e sono situati in ogni parte di questa bellissima regione.

L'Umbria è situata nel centro Italia su una superficie totale di circa 8.456 Kmq suddivisi tra la provincia di Perugia (6.334 Kmq) ed il territorio della provincia di Terni (2.122 Kmq); è una tra le regioni peninsulare d'Italia più piccole ed ha la caratteristica unica di non essere bagnata da alcun mare. L'Umbria infatti confina solo con altre regioni: le Marche, la Toscana ed il Lazio.

Il territorio dell'Umbria, nel suo piccolo, è molto vario e variegato; si passa dalle catene montuose degli Appennini, per passare alle dolci colline, dalle grandi vallate fino agli altipiani ed alle pianure. Quest'ultime sono quelle che dominano la regione in quanto presenti in una percentuale maggiore; non sono presenti molte zone montuose, in ogni modo, sono abbastanza elevate (in media circa 1.300 metri slm).

Umbria ViewTestimonianze e reperti dimostrano che l'Umbri fu abitata dal periodo degli Umbri e degli Etruschi; la fondazione della città di Terni è stata infatti attribuita all'anno 672 a.C.
Con la nascita e l'ascesa al potere dell'Impero Romano l'Umbri cadde in mano alla potenza mondiale dopo la guerra di Sentino nel 295 a.C.; qui i romani vi fondarono alcune colonie che servivano come punto di riferimento per tutti coloro che attraversavano la via Flaminia che attraversa la regione. Questa regione fu teatro della seconda guerra Punica quando Annibale venne sconfitto nella battaglia del Trasimeno; la città di Perugia venne però espugnata e data alle fiamme.

Dopo la caduta dell'Impero Romano la regione, fu teatro di guerre e scontri tra Ostrogoti e Bizantini e nella parte orientale della regione del longobardo venne fondato il ducato di Spoleto. Il territorio nominato 'corridoio Bizantino' (una striscia di terra che costeggia il Tevere) rimase di potere dei Bizantini.
Successivamente Carlo Magno conquistò quasi la totalità dei territori sotto il potere dei longobardi e li donò al Papa. Le varie colonie della città, diventate poi città, acquisirono potere ed iniziarono a guerreggiarsi tra loro seguendo gli ideali del periodo che vedevano in conflitto il papato e l'impero ed i Guelfi ed i Ghibellini.

Durante il XIV secolo nacquero le signorie che successivamente si assoggettarono allo Stato Pontificio che dominò l'Umbria fino alla fine del XVIII secolo. In seguito all Rivoluzione francese la regione fece prima parte della Repubblica romana (1789-1799) e poi dell'Impero napoleonico (1809-1814). Finalmente nel 1860, grazie anche ai vari moti risorgimentali, l'Umbria entrò a far parte del Regno d'Italia.





Vacanze in Agriturismo in Umbria





Festival dei due Mondi di Spoleto
Umbria Jazz Duemilanove



Parte delle informazioni riguardanti la storia, l'arte, le tradizioni e gli eventi della città di Umbria sono riprese dal sito www.wikipedia.org rispettando il GNU Free Documentation License.